AIDE MONTESCAGLIOSO  è  una  libera   Associazione   di Promozione Sociale  che  persegue  fini  culturali, di  tutela dei diritti delle Donne  e della Famiglia. Le sedi di AIDE rappresentano un luogo Aperto in continua  evoluzione, dove Tutti posso dare il loro contributo con Idee e Progetti.   Iscriviti e Sostieni l’Associazione AIDE  per una Donna che  guarda all’ Europa ma che  è forte degli Ideali e dei  valori della Terra  di  Lucania.


9 Agosto 2016 "Montescaglioso nel Mondo":l'artista Tomàs Ditaranto originario di Montescaglioso candidato a diventare personaggio museale di Castel Lagopesole.

Nella serata evento del 9 agosto  “Montescaglioso nel Mondo: l'artista Tomàs Ditaranto” a cura dell'Amministrazione Comunale – Assessorato alla Cultura – su iniziativa dell'Associazione A.I.D.E. Montescaglioso, del Consiglio Donne2019 e della Testata Giornalistica Suditaliavideo, sarà ufficialmente presentata la candidatura a personaggio museale del pittore Tomàs Ditaranto.

L'evento, era stato già annunciato il 21 luglio scorso durante una conferenza stampa in Consiglio Regionale nella quale il Museo dell'Emigrazione Lucana -Centro Nino Calice – Lucani nel Mondo di Castel Lagopesole, il Dipartimento Presidenza e sistemi Culturali e Turistici della Basilicata e l'ANCI Basilicata, avevano presentato le attività di promozione ed i seminari sui personaggi museali di San Fele, Oppido e Montescaglioso.
L'iniziativa, che rientra nel cartellone degli eventi estivi dell' Amministrazione comunale di Montescaglioso, si terrà nella splendida cornice dell' Abbazia Benedettina di San Michele Arcangelo della Città Gioiello d'Italia alle ore 20:30.

Ditaranto, nacque a Montescaglioso nel 1904 ed emigrò con la famiglia in Argentina, dove ebbe la possibilità di studiare ed insegnare presso l'Accademia Nazionale delle Belle Arti Argentine. Affermato artista a tutto tondo, Tomàs Ditaranto è conosciuto in Argentina anche per aver illustrato l'edizione polilingue dell'opera epica “Martin Fierro”. Nella sua arte, esposta nei musei di tutto il mondo, sono raffigurati personaggi in costume e vita quotidiana del nord dell'Argentina, ma anche paesaggi e città europee nonchè scorci lucani e di Montescaglioso a cui Ditaranto era molto legato. Durante l'iniziativa, saranno esposte alcune opere e sarà presentata a cura del Gruppo di lavoro sulla memoria storica locale, una scheda di Tomàs Ditaranto ed alcune notizie sull'albero genealogico, nonché le attività future di concerto con le Istituzioni regionali e locali tese a favorire non solo il recupero della memoria storica sull'emigrazione, ma soprattutto finalizzate a creare nuove opportunità lavorative, turistiche, commerciali e di attrattività del territorio. Interverranno, oltre al Sindaco Vincenzo Zito e all'assessore alla Cultura Maria Scaramuzzo, in ordine di interventi, il coordinatore del Museo dell'Emigrazione di Castel Lagopesole, Luigi Scaglione, il presidente dell'ANCI Adduce, l'assessore regionale Benedetto, il presidente del Consiglio Mollica, il presidente regionale Pittella e il Vice Ministro Bubbico.

Ufficio Comunicazione

AIDE - Donne2019

L' Ass. A.I.D.E. MONTESCAGLIOSO promuove il territorio con l'iniziativa “A spasso con la Storia”

Acquisire una migliore conoscenza della storia locale nonchè la cosapevolezza dell'importanza del patrimonio architettonico e culturale di Montescaglioso. E' stata questa la finalità dell'iniziativa “A spasso nella Storia” organizzata dall' Associazione di Promozione Sociale A.I.D.E. Montescaglioso nel pomeriggio di venerdì 20 maggio. L'iniziativa è stata realizzata grazie alla disponibilità della società CooperAttiva e di Franco Caputo che ha accompagnato il gruppo di partecipanti in un'interessante visita nei nuovi spazi restaurati e fruibili dell'Abbazia Benedettina di San Michele Arcangelo. Il gruppo, ha visitato i depositi della Celleraria della millenaria abbazia che grazie agli allestimenti svelano e raccontano della vita dei monaci benedettini ma anche di antichissime tradizioni come quella della produzione di olio d'oliva nonché dei sistemi di raccolta delle acque e della conservazione dei prodotti agricoli e caseari. Stupore e meraviglia hanno destato poi, l'ampia area archeologica ed i reperti originali. La visita è proseguita nella Cantina rupestre dell'Abbazia Benedettina, il cui restauro permette di godere di un vero e proprio monumento scavato nella roccia oggi perfettamente riqualificato. Due nuovi gioielli che si aggiungono al già inestimabile patrimonio storico della Città di Montescaglioso che meritano di essere apprezzati in primis dai cittadini e poi dai turisti. Prima della visita guidata, Maria Andriulli Presidente dell'associazione, ha incontrato i convenuti illustrando le attività di AIDE MONTESCAGLIOSO, le finalità, gli eventi ed i progetti , guardando con ottimismo al futuro di un'associazione che sta crescendo sul territorio e che si rivolge alle donne con la forza dell' indipendenza e la convinzione dei valori fondanti dell' A.I.D.E.

La Redazione di Suditaliavideo

A Spasso nella Storia venerdì 20 maggio 2016

L' Associazione A.I.D.E Montescaglioso, organizza per venerdì 20 maggio 2016 alle ore 17:00  una visita nei suggestivi luoghi e ambienti da poco restaurati e resi fruibili dal Comune di Montescaglioso della millenaria Abbazia Benedettina di San Michele Arcangelo.

La  “Cantina rupestre dell'Abbazia Benedettina”  il “Frantoio e i Depositi della Celleraria” saranno i luoghi in cui riscoprire dove i monaci Benedettini  producevano l'olio, dispensavano e amministravano il denaro e i beni della comunità.La visità  gratuita organizzata in collaborazione con la Coop. e infopoint turistico di Montescaglioso partirà da Piazza del Popolo ed è aperta anche ai non associati.

Donne e salute, bilancio positivo per la ‘Settimana rosa’

“E’ stato un percorso innovativo e circolare che ha connotato in positivo la Basilicata rispetto alle altre regioni, perché qui noi siamo riusciti a fare molto di più rispetto all’iniziativa di partenza. Le donne non sono solo utero o mammella, ma anche molto altro, soprattutto cervello: la prevenzione è fondamentale, ma dobbiamo spingere per una prevenzione che sia il più possibile longitudinale”. Queste le parole dell’assessore regionale alle Politiche per la Persona, Flavia Franconi, nel corso della conferenza stampa di questa mattina in cui sono stati illustrati i risultati della “Settimana rosa” che si è svolta dal 22 al 28 aprile ed è stata promossa dalla Commissione regionale Pari Opportunità in sinergia con il Dipartimento regionale Politiche per la Persona e in collaborazione con Asp, Asm, Azienda sanitaria San Carlo e Irccs Crob attraverso le rispettive reti ambulatoriali, dei punti salute, degli sportelli informativi e dei consultori familiari diffusi su tutto il territorio.La ‘I Giornata nazione della salute della donna’ si è celebrata lo scorso 22 aprile in tutta Italia, ma in Basilicata è stata l’occasione per la ‘Settimana della salute della donna’: l’iniziativa in rosa, di una sola giornata e specificatamente dedicata all’oncologia, in particolare all’utero e al seno, in Basilicata si è infatti allargata, sia a livello temporale, ad un’intera settimana, sia a livello di ambito d’intervento, ben oltre il campo strettamente oncologico intervenendo anche in risposta a donne affette da malattie cardiovascolari, diabete, osteoporosi e diverse cronicità. Valutazione del rischio di frattura da osteoporosi e di diabete; ecografie mammarie e tiroidee; screening senologici; incontri pubblici informativi; consulenze sociali e psicologiche per le vittime di violenze ed abusi: sono alcune delle azioni gratuite che si sono susseguite nel corso della ‘Settimana rosa’ e che l’assessore Franconi auspica possano essere “replicate, anche, per due settimane all’anno”.“Il successo dell’iniziativa è stato dimostrato dai centralini intasati per le prenotazioni e per questo – ha detto l’Assessore - non può rimanere un’esperienza isolata, ma deve essere di stimolo per l’attuazione di programmi utili per un’analisi puntuale in merito alle necessità del mondo femminile, necessità che sono anche informative. E’ emerso, infatti, un grande bisogno delle donne di parlare, ricevere consigli, suggerimenti. Possiamo allora immaginare – ha proseguito Franconi – un Tavolo di informazione per dare risposte, quanto meno, alle principali necessità informative delle donne lucane. E di replicare l’esperienza, tra le tante, de ‘Il tè alle cinque’ che ha lanciato il consultorio dell’Asp per parlare di salute, famiglia, lavoro e stili di vita”.Nel farsi carico, infine, di verificare lo stato di attuazione della “delibera di Giunta che invita le aziende sanitarie ad impegnarsi sul fronte della prevenzione rispetto alle donne che si ammalano di diabete durante il periodo di gravidanza e che, poi, corrono un rischio elevatissimo di ammalarsi di nuovo dopo cinque o dieci anni dal parto”, l’Assessore ha tenuto ad evidenziare che “non si può pensare di lasciare sole queste donne che devono invece essere seguite e supportate, specialmente – ha concluso - in una regione che ha, tra l’altro, sposato in pieno il progetto women friendly”. Oltre all’assessore regionale alle Politiche per la Persona, Flavia Franconi, hanno preso parte alla conferenza stampa anche il neopresidente del Consiglio regionale, Franco Mollica, e la presidente della Commissione regionale Pari Opportunità, Angela Blasi. Intervenuti a relazionare sui dati relativi alla partecipazione i direttori generali dell’Asp, Massimo De Fino, dell’Asm, Vito Cilla, del San Carlo, Rocco Maglietta, e del Crob, Sergio Molinari.

Uff. stampa Regione Basilicata

Di alto contenuto scientifico il convegno di A.I.D.E. Montescaglioso su "Alimentazione (è) Salute"

Montescaglioso - Di alimentazione basata soprattutto sulla dieta mediterranea , si è parlato il 29 aprile scorso nel convegno “Alimetazione (è) Salute” organizzato dall'Associazione Indipendente Donne Europee di Montescaglioso con Donne 2019, in collaborazione con i medici del Centro Polispecialistico S.Michele Arcangelo e con il Patrocinio del Comune di Montescaglioso.L'incontro si è tenuto nella Sala Capitolare dell'abbazia benedettina, allestita per l'occasione con gli elementi più rappresentativi della dieta mediterranea e prodotti da aziende agricole del luogo . A presentare l'evento e moderare la serata è stata la Coordinatrice comunale di AIDE Maria Andriulli che ha illustrato la programmazione delle attività dell'associazione annunciando di voler siglare patti di azione con altre associazioni nonché con realtà produttive per il raggiungimento di obiettivi come il protagonismo delle donne, la promozione del territorio, della salute e soprattutto delle risorse umane. Un doveroso cenno al neo nato “Consiglio Donne 2019” , composto da 19 ambasciatrici di cultura, tra cui la pittrice Ilaria Del Monte e la Manager Florance Ditaranto di Montescaglioso. Il Consiglio, nato da una idea della Presidente nazionale di AIDE Anna Selvaggi, ha affermato la coordinatrice, promuoverà progetti connessi al territorio, volti a mettere in risalto le eccellenze locali con l'obiettivo di raggiungere un proficuo scambio tra diverse culture. Nel breve intervento di introduzione, il dott. Rocco Contuzzi, responsabile del Centro Polispecialistico, ha sottolineato l'importanza della collaborazione con l'associazione AIDE Montescaglioso nelle azioni di informazione sulla salute rivolte alla cittadinanza e alle donne. Le tematiche dell'alimentazione correllate alla salute, sono state spiegate in modo semplice ma scientifico ai cittadini intervenuti, da diversi relatori. Tra i più illustri, il Cardiochirurgo Prof. Sergio M.Caparrotti che oggi dirige una delle eccellezze italiane per il By Pass Aortocoronarico, ovvero la Clinica Montevergine di Mercogliano. Il Prof. Caparrotti, ha illustrato i rischi dell' obesità e gli effetti sul sistema cardiovascolare, sottolineando l'importanza di una corretta alimentazione basata sui principi della dieta mediterranea prediligendo il pesce per il suo contenuto di omega 3 e l'olio di oliva come condimento principe dei cibi, senza dimenticare l'importanza di una costante attività fisica. A spiegare le piramidi alimentari, la composizione degli alimenti e le qualità nutrizionali degli alimenti è stata la biologa nutrizionista Maria R. Piancazzi in una relazione dettagliata e rispondendo poi alle domande del pubblico. Di alimentazione e aspetti psicologici ha parlato invece la psicologa Maria Letizia Ditaranto affermando che il benessere psicologico della persona passa anche attraverso una sana alimentazione e quindi di come sia importante la collaborazione tra nutrizionista e psicologo nei pazienti con percorsi finalizzati ad una corretta alimentazione. Il convegno si è completato con l'intervento dell'allergologa Milena Marziale che ha specificato la differenza tra allergie ed intolleranze, parlando degli allergeni più comuni, dell'intolleranza al lattosio e degli additivi alimentari. Hanno chiuso i lavori, la Presidente di AIDE Anna Selvaggi e il dott. Angelo Bitondo che ha illustrato i progetti futuri del Centro Polispecialistico, come le campagne informative rivolte alla scuola ed iniziative di prevenzione gratuite dedicate ai cittadini. Un esempio di come la rete tra associazionismo e realtà produttive riescono a fornire servizi al cittadino, cultura e promozione del territorio.

Un grande ringraziamento è andato da parte dell'associazione AIDE alle aziende che hanno sostenuto l'evento e che con il loro contributo e la loro collaborazione credono in queste iniziative mirate alla difesa e valorizzazione della nostra “Alimentazione (è) Salute.”

Redazione SUDITALIAVIDEO

 Donne2019 all'incontro" Valorizzazione del paesaggio e sapere libero le piattaforme wiki "organizzato dall'UNIBAS
Valorizzazione del paesaggio e sapere libero: le piattaforme wiki per la conoscenza degli ecosistemi e la salvaguardia dell'ambiente; questo il tema della tavola rotonda che si è tenuta nell'aula magna S. Rocco dell'Unibas di Matera .L'incontro, organizzato dal Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo dell'Università della Basilicata e dal Corso di Laurea in Paesaggio Ambiente e Verde Urbano, in collaborazione con l'associazione Wikimedia Italia e il Consiglio Donne2019, ha visto la presenza del docente universitario Ferdinando Mirizzi , della docente Maria V. Mininni dell'Università di Basilicata, del docente dell'Università di Salerno nonché coordinatore di Wikimedia Italia per la Basilicata Luigi Catalani, di Maria Andriulli e Franca Digiorgio in rappresentanza del Consiglio Donne2019, dell'imprenditore Nicola Benedetto e del filmmaker Nicola Bisceglia. A moderare i lavori è stata la docente Paola D'Antonio, presidente del nuovo Corso di Laurea in Paesaggio, che ha introdotto il Prof. Mirizzi per un breve intervento in cui ha parlato del paesaggio considerandolo un tutt'uno con le persone che ne determinano mutamenti e che lo rappresentano. La prof.ssa Mininni ha relazionato su come economie nuove si aprono nella parola paesaggio facendo rifermento al modello Pugliese, ma anche ai nuovi modi di intendere il paesaggio che sta cambiando con i giardini urbani e gli orti sociali. Il saluto, poi, di Donne2019 portato da Maria Andriulli che ha illustrato la nascita e gli obiettivi di un progetto culturale che parte da una visione nuova del cittadino produttore di cultura e non solo più fruitore. Un processo, nato dal basso per una partecipazione attiva per il successo delle politiche culturali, sociali ed economiche. La richiesta, poi, di Donne2019 del coinvolgimento e del sostegno dell'Università degli studi di Basilicata nei progetti che nasceranno ed in quelli già in itinere come quello relativo al Borgo La Martella illustrato da Franca Digiorgio che in Donne2019 si occupa di paesaggio e ambiente. Abbellire il Borgo ma soprattutto implementare la consapevolezza sulla necessità di maggior senso civico con il filo conduttore della legalità. Rafforzare dunque l’identità del luogo, ha detto Digiorgio, affinchè si recuperi il rapporto tra il contesto ed i suoi abitanti. La qualità di un territorio, ha detto, non deriva solo dal fattore estetico, ma dall’insieme di tutto quel complesso di cose che rende possibile il vivere bene, perché solo così il contesto può contribuire al miglioramento della qualità della vita stessa. Un contributo importante per la valorizzazione dei paesaggi è fornito oggi dai nuovi strumenti di comunicazione come tutto il circuito Wiki. E' quanto ha affermato il prof. Luigi Catalani responsabile di Wikimedia Italia, un'associazione per la diffusione della conoscenza libera che dal 2005 si occupa di progetti a favore dell'open culture. Catalani ha illustrato il concetto di coautore nella costruzione di contenuti fruibili gratuitamente che consentono una visibilità mondiale. Vantaggi che si traducono in opportunità in termini di marketing territoriale, turistico e didattico esortando la Basilicata ad aggiungere contenuti nelle enciclopedie libere. Hanno concluso i lavori N. Bisceglia che ha presentato il progetto Flipo un doc-film che racconta la Basilicata delle eccellenze e della meraviglia e Nicola Benedetto che ha raccontando la propria esperienza di imprenditore nel campo del turismo e di come le enciclopedie del libero sapere possono dare una spina maggiore ai flussi turistici.

Maria Andriulli

Si è insediato a Matera il Consiglio "Donne2019"

Matera – Sono 19 le “Messaggere” del Consiglio Donne2019 che si è insediato mercoledì 11 maggio a Matera, Capitale della Cultura Europea nel 2019. Promuovere iniziative e progetti connessi al territorio finalizzati a mettere in risalto le eccellenze locali al fine di consegnare a Matera 2019 un Dossier che contribuisca ad un mutamento sociale e culturale. Questa la mission del gruppo coeso che si è formato in questi mesi e che è costituito da donne provenienti dalla Basilicata, Puglia e Calabria o che comunque hanno un legame con Matera. Il Patrimonio da valorizzare è l'arte, l'agricoltura, l’ambiente, lo sport, la medicina, la scrittura, il territorio, il turismo, la musica e le relazioni con il mondo.

Ma anche caratteri meno materiali, come la qualità della vita nei borghi, la creatività, lo spettacolo, la capacità di integrare etnie e culture diverse. “Donne2019” è il risultato di un protagonismo possibile maturato dal cittadino che si sente “Produttore di Cultura” e non più solo fruitore, con un patrimonio da Individuare, Rappresentare, Valorizzare e Promuovere , ha detto la Coordinatrice del Consiglio dott.ssa Anna Selvaggi.

L'associazione Matera2019, attraverso un suo rappresentante ha espresso la disponibilità a lavorare in rete con il Consiglio, definendolo un esempio positivo di come i cittadini possono essere protagonisti della vita della Città e non solo più spettatori.

Il Consiglio ha affrontato e discusso di iniziative già in itinere come il dono delle Corone alla SS Madonna della Bruna, i cui particolari saranno annunciati nei prossimi giorni. Concrete idee, sono poi emerse, per risolvere l'isolamento e le carenze strutturali del Borgo La Martella ma anche l'urgenza di interverventi sulla paesaggistica dei borghi e delle periferie. Attenzione, è stata posta alle azioni ordinarie di gestione della Città con un' analisi sul targhet turistico di Matera, sulle sue esigenze e sul giusto atteggiamento verso il turista inteso come “cittadino temporaneo”. Si è discusso poi dell'opportunità di coinvolgere la scuola nelle attività di Matera2019, oltre che di una iniziativa dedicata all'arte e alla pittura e di importanti eventi sportivi. Le Donne2019 del Consiglio si sono dette soddisfatte per un inizio entusiasmante e soprattutto proficuo. Il Consigilio sarà itinerante e sarà convocato periodicamente nelle diverse regioni, per definire strategie ed iniziare un percorso di confronto con le Istituzioni e gli attori sociali ed economici della Regione ma anche con altri Stati europei ed extra Europei.

Redazione SUDITALIAVIDEO

Presentazione Consiglio Donne2019 e iniziativa dono delle Corone alla Madonna SS della Bruna
Si insedierà, mercoledì 11 maggio alle ore 18:00 presso la sala convegni del Palace Hotel di Matera, il Consiglio Donne2019.Per la prima volta, in una Capitale Europea della Cultura, un gruppo di 19 donne si candida a dare un significativo contributo per il successo delle politiche Culturali, Sociali ed Economiche.

Le Donne2019 saranno Messaggere di Cultura, Tradizioni ed Innovazione. Il Patrimonio da valorizzare è l'artigianato, l'agricoltura, l’ambiente, il tempo libero, lo sport, l'arte, la finanza, la comunicazione, la medicina, la musica e le relazioni con il mondo.

Ma anche caratteri meno materiali, come la qualità della vita nei borghi, la creatività, lo spettacolo, l'eccellenza, la capacità di integrare etnie e culture diverse. Il know how diventa da individuale a collettivo. L'insediamento segnerà l'inizio dei lavori ma anche la presentazione alla stampa delle 19 Messaggere che costituiscono il Consiglio Donne2019 . Per l'occasione sarà illustrata agli organi di stampa, la prima significativa iniziativa frutto del fattivo interessamento del Consiglio Donne2019, che si completerà nel mese di maggio, ovvero il dono delle Corone alla Madonna SS della Bruna e al Bambinello voluto dal Consiglio e realizzato gratuitamente da Spadafora Gioielli di S.Giovanni in Fiore(CS).

La Coordinatrice del Consiglio Donne2019

Dott.ssa Anna Selvaggi Tamburrino